Come rescindere un contratto di luce o gas: modalità, tempi e costi

Disdire un contratto luce e gas, e poterlo fare in tempi brevi, è diritto dei consumatori: vediamo come poterlo rescindere, quanto si deve aspettare e i costi.

Molto spesso capita di trovare un’offerta migliore per la fornitura di energia e gas mentre ancora si è legati contrattualmente a un operatore, come potrebbero essere il fornitore di energia Eni o Enel, A2A che opera nel mercato libero. Ma come rescindere anticipatamente il contratto? Per farlo bisogna rispettare alcune regole.

Innanzitutto il preavviso: se si vuole disdire il proprio contratto per passare ad un’offerta di fornitura luce e gas migliore è necessario contattare il proprio operatore attuale con un mese di anticipo. I mesi di preavviso diventano sei se si è titolari di una piccola impresa.

Il costo della disdetta può cambiare in base se si esce dal mercato di maggior tutela oppure da quello libero. Nel primo caso il costo per la rescissione anticipata è di 23 euro, mentre nel secondo caso la cifra varia in base alle condizioni stabilite nel contratto.

Ricordiamo che disdire un contratto di luce o gas comporta la chiusura del contatore che rifornisce di energia e gas. Questa operazione deve avvenire in un tempo massimo di due giorni lavorativi, oppure cinque giorni se si possiede un contatore di classe energetica fino a G25.

In caso queste tempistiche non vengano rispettate il cliente ha diritto a un risarcimento che ammonta a 30 euro per la fornitura di gas metano.

Per quanto riguarda la disdetta della fornitura di energia elettrica, se i tempi di disdetta raddoppiano si ha diritto a un rimborso di 35 euro, se si triplicano a un rimborso di 70 euro e di 105 euro qualora i tempi si allunghino ulteriormente.

La comunicazione della disdetta alla fornitore di gas o energia spetta all’operatore con cui abbiamo sottoscritto il contratto.  Se il recesso è avvenuto per avvalersi dei servizi di un nuovo operatore, allora sarà sufficiente comunicare a quest’ultimo le proprie intenzioni: sarà il nuovo operatore quindi, ad inoltrare al precedente la richiesta di disdetta, semplificando così le operazioni a carico del consumatore.

Il cliente ha comunque dieci giorni per esercitare il cosiddetto diritto di ripensamento sul nuovo contratto sottoscritto e quindi tornare eventualmente al vecchio venditore.

La disdetta può avvenire anche da parte dell’operatore e in alcuni casi questa può essere effettuata senza preavviso. Si tratta di casi particolari, ad esempio se ci si accorge che è avvenuto un furto di energia, la manomissione o rottura dei sigilli del contatore, l’uso degli impianti in modi non conformi con quanto stabilito nel contratto e, infine, dispersioni di gas metano.

40 commenti

  1. L’articolo pur esssendo chiaro non mi è stato utile, perché a me interessa sapere come interrompere la fornitura di gas non per passare ad altro gestore, ma per disdire definitivamente l’erogazione a seguito di rilascio di un appartamento

    1. devi contattate telefonicamente il numero verde della tua societa’di vendita e loro fisseranno un appuntamento con il tecnico di zona che verra’fisicamente a chiudere il misuratore ed il contratto sara’ chiuso

  2. Ho mandato richiesta a Eni per chiudere un utenza causa trasloco. Dopo un mese e mezzo nel vecchio appartamento c’è ancora la luce e ci sarà fino ai primi di ottobre , adesso devono entrare i nuovi inquilini e non possono fare l’allaccio finché non sarà chiusa la mia pratica ..
    Ma è normale che ci mettano 4 mesi?? Loro dicono che le tempistiche sono queste ..

    1. finche’ l eni non ricevera’ il modulo per la disalimentazione firmato dal cliente non procedera’con la disalimemtazione e se nell’appartamento la fornitura e ancora attiva i nuovi inquilini potranno fare semplicemente la voltura basta contattare il numero verde 800900700

  3. Buongiorno….situazione complicata. Ero in affitto fino al 31 marzo 2014 con contratto Eni. Riconsegnato chiavi, cambiato residenza e comunicato lettura gas al proprietario che si sarebbe premurato x le volture. Ebbene dopo quasi sei mesi continuano ad arrivarmi le bollette (pure salate in quanto essendo la casa sfitta da marzo e il contatore e’ dentro, l addetto non puo’ procedere alla lettura, quindi ci su basa su stime). Il proprietario non ha fatto la voltura. ENI mi dice che l unica cosa che posso fare e’ far cessare l erogazione intervenendo sulle tubature….ovviamente a mie spese e dopo aver pagato le bollette degli ultimi 6 mesi(che non c’ero) . Come posso tutelarmi?

  4. per colpa di disonesti la gente non si fida di promoter che ti fanno fessi conn un sorriso a me è capitato con un vostro agente

  5. L’inquilino del mio appartamento è andato via senza lasciarmi documenti relativi al Fornitore di gas e luce. Quindi NON CONOSCO I FORNITORI e non so a chi rivolgermi. Conosco solo le matricole dei contatori.
    Poiché per non pagare la NETTEZZA URBANA gravante sull’appartamento mi occorre presentare un attestato che dica che l’appartamento NON E’ ABITATO e non è fornito né di Luce né di Gas né di Acqua, cosa debbo fare?

  6. Salve, desidererei sapere come mi devo comportare:
    nel mese di maggio 2014 ho ricevuto un’offerta da ENI-Gas e ho cambiato fornitore, dal Fornitore Gas Natural sono passato a Eni-Gas. Fin qui tutto a posto, finchè giorno 13/01/15 mi trovo a casa una bolletta con scadenza 26/01/15 del mio vecchio fornitore Gas Natural di 191 € , chiamo il mio nuovo fornitore Eni-Gas e spiego la cosa, risposta dal 01/10/2014 hanno chiuso il contratto, all’operatore spiego che nessuno in famiglia ha chiesto assolutamente la chiusura del contratto, risposta contattare il vecchio fornitore Gas Natural, contatto il vecchio fornitore Gas Natural risposta fare una richiesta scritta di annullamento del contratto. A questo punto mi chiedo come può essere successa una cosa del genere??? Quale richiesta di annullamento devo fare per un contratto che non ho mai avuto??? saluti e grazie

  7. Ciao a tutti. ho avviato la pratica di cessazione col call center ENI, ma dopo un mese di continui solleciti, non sono ancora stato ancora contattato per l’appuntamento per piombare il contatore e chiudere quindi i conteggi per la cessazione, per cui l’utenza risulta tutt’ora attiva (con le relative spese fisse da pagare sempre a ENI). Come posso fare? A termini di legge posso rifiuarmi di pagare e quindi cessare unilateralmente il rapporto con ENI? E’ una situazione veramente assurda e credo di non essere il solo ….. Se qualcuno mi può aiutare ….. grazie. Ciao!

  8. Salve,
    abbiamo da poco preso una casa in affitto, le precedente inquilina aveva già dato disdetta giustamente. con eni gas e luce. Per il Gas non mi hanno dato subito un appuntamento, per la luce invece (già staccata) dobbiamo attendere la chiusura del contratto(è stata cessata già settimane fa la luce) e fino ad allora non possiamo nemmeno tentare un nuovo contratto con altri operatori! Quindi, sto pagando una casa che non posso abitare e non so più che tipo di solleciti inviare. E’ normale?

  9. Salve, per mia sfortuna ho cambiato il mio fornitore di gas e luce con un piccolo raggiro. Ero con enel e mi arriva una lettera sul cambio dei contatori, dopo qlc giorno arrivano 2 persone che ci parlano di nuovi contatori etc …. Io e mio padre firmiamo e qui inizia l’incubo !! Circa un mesetto fa ho fatto richiesta per rientrare in Enel …. Quando tempo occorre per avere il rientro effettivo in Enel ???

  10. Salve,ho urgenza nel chiudere una utenza gas con enel,ero in affitto ed it nuovo inquilino non ha ancora fatto la voltura a distanza di settimane.ho chiamato il call center mi hanno assicurato ke la pratica è andata a buon fine,ma non ho capito se siano stati apposti i sigilli per garantire la chiusura effettiva,essendo fuori zona non ho potuto verificare il lavoro del tecnico.come posso sincerarmi e tutelarmti da eventuali truffe o utilizzi impropri della fornitura?basta parlare con il call center oppure devo procedere con raccomandate o fax?grazie

  11. Buonasera, ho fatto la registrazione telefonica con Eni aderendo al loro servizio per fornitura luce e gas. A breve dovrei ricevere per posta il loro contratto da firmare,
    ma c’ho ripensato e voglio rimanere con enel e gelsia, cosa faccio operativamente parlando?

    Grazie

  12. Ma a cosa serve un blog se poi tutte le risposte rimandano a “si rivolga alla sede piu’ vicina”? Meglio chiuderlo e mettere sull’home page la scritta : “se avete domande da fare fate alla nostra sede piu’ vicina” e poi magari mandare in vacanza il curatore del blog.
    Mah!

    1. Gentile, il sito serve a dare una prima informazione ai cittadini. Domande più specifiche devono essere rivolte a esperti che sappiano indirizzare nella giusta direzione i consumatori e risolvere concretamente i loro problemi. Saluti

  13. Salve, vi spiego la mia situazione. Ad agosto 2014 è scaduto il contratto di locazione per l’appartamento in cui vivevo. La proprietaria mi ha chiesto di chiudere tutte le utenze e cosi ho fatto. Inoltre ha chiesto la copia dei contratti di disdetta delle varie utenze. E anche questi le sono stati forniti. Fino a qui tutto bene.
    Pochi giorni fa (settembre 2015) mi è arrivata una lettera che dice che il contatore del l’elettricità non è stato chiuso e devono essere pagati oltre 200 euro perche il contatore (anche se l’appartamento è stato chiuso) ha continuato a funzionare. La proprietaria si considera estranea ai fatti e dice che è l’inquilino che deve pagare. Cosa posso fare? Chi è tenuto a pagare?
    Grazie mille.

  14. Buongiorno,
    alcuni giorni fa ho aderito ma nn confemata ( perchè nn ho ancora ricevuto il contratto) alla fornitura di gas con Eni. Leggendo le opinioni mi sono ricreduta, ora vorrei fare in modo di nn trovarmi in una spiacevole situazione trovando il modo di bloccare tutto.
    Come posso fare?
    Grazie Manuela Milani

  15. In data 27.02.2014 il tecnico di Eni spa divisione gas & power ha bloccato su mia richiesta del 25.02.2014 la fornitura gas sigillandomi il contatore (in quanto utilizzando pompe di calore elettriche non ho più bisogno del gas) e in data 14.05.2014 ho saldato il conguaglio dovuto dei consumi, Ora in data 27.10 2015( dopo circa 18 mesi) mi è stata recapitata una bolletta per spese tecniche di chiusura di euro 36,60. Il contratto di attivazione era avvenuto nel 1992 con la società Italgas, che nel tempo è diventato dopo vari passaggi Eni spa divisione gas & power, senza che io abbia sottoscritto alcun altro contratto se non l’originale e nel quale non sono riportate eventuali spese di disattivazione. So che nel 2007 una legge prevede che non ci siano spese di disattivazione per questi tipi di contratto, quidi come mi devo comportare?
    Grazie per l’attenzione.

  16. Buongiorno,
    ho ricevuto un fattura da parte di ENI SPA divisione gas & power per un importo pari ad euro 63,44 di cui euro 52,00 oneri diversi dalla fornitura ed euro 11.44 per IVA su imponibile e consumo importo 0, il tutto per un mio vecchio contratto di gas disdetto nel giugno 2013,fattura recapitata in data 7/11/2015.
    Ho telefonato il calle center dell’azienda richiedendo informazioni in merito al pagamento, mi è stato riferito che detto pagamento è imputato alle spese per l’intervento del loro tecnico per apporre i sigilli al contatore per la chiusura del contratto da me richiesto.
    Richiedo informazione se il contratto stipulato con la sopra citata azienda prevede i costi sopra indicati e sono tenuto a pagare.
    Vi ringrazio anticipatamente Angelo Russo

  17. Contratto GAS attivato il 18/7/2012. Ho fatto la richiesta ad ENI per la chiusura di un contratto intestato a mia moglie di fornitura gas perchè lasciavamo un appartamento in affitto in data febbraio 2014. Appuntamento per il 3 marzo, il tecnico si presenta prende la lettura e bolla il contatore. il 10/03/2014 ENI emette una fattura di conguaglio, tra restituzione consumi fatturati in acconto e deposito cauzionale, la fattura è di -20euro, e mi viene spedito anche un assegno di rimborso della differenza. ora a distanza di oltre 18 mesi, ENI mi manda in posta ordinaria al nuovo indirizzo un bolletta a nome di mia moglie (le nuove utenze sono intestate a me), di spese tecniche di cessazione perchè non è risultato fatturato in precedenza di 30 euro + 6,60 di iva. Sono tenuto a pagarla?

  18. Salve, nel 2012 (con precisione il 10/12/2012) ho cessato l’utenza gas con ENI della mia vecchia casa per cambio di abitazione. Oggi, 11/11/2015, a distanza di 3 anni, ricevo una fattura di euro 63,59 con le seguenti voci: Int.Att.Mora ritardato pagamento € 0,15 – Spese Tecniche Cessazione € 52,00 – IVA € 11,44. Mi domando: si possono chiedere le spese tecniche di cessazione (dopo quasi 3 anni)? E’ corretto l’importo? e i 15 centesimi di ritardato pagamento (di che? visto che la fattura di cessazione portava un importo di € 0,00)?
    Grazie per l’attenzione

  19. Ho disdetto un contratto con Eni – gas in data 16 /05/2013 , oggi 12/11/2015 mi è arrivato un addebito di 52 euro per “Spese Tecniche Cessazione, dopo due anni e mezzo. L’ultima bolletta pagata del 13/05/2013 per un consumo di 1 (uno) metro cubo di gas è stata di euro 42.49. Come possiamo qualificare questo comportamento senza incorrere in denunce? Inqualificabile.

  20. Buongiorno.
    La scorsa settimana ho ricevuto una bolletta da parte del mio fornitore (ENI) che mi chiede 52€ per “SPESE TECNICHE CESSAZIONE”. Nel 2013 ho chiuso un contratto causa trasloco. Nel mio contratto (quello della casa che ho lasciato) non c’è scritto da nessuna parte che per cessazione bisognava pagare. L’autorità per l’energia (AEEG) mi ha detto che non sono obbligati a scriverlo e che questo importo sono costretta a pagarlo!
    Ora mi chiedo: possono NON scrivere che ci saranno degli oneri???

    Grazie

  21. Salve sono in una situazione un po cotica in pratica sono subentrato a un vecchio inquilino sfrattato
    appena entrato in casa ho eseguito nuovo contratto in casa sia di gas e luce con illumia Spa.
    Il problema che dopo aver pagato 2 mesi gas e luce con illumina Enel energia esegue l’attivazione di un nuovo contratto gas nella mia abitazione a nome del vecchio inquilino.
    Ho scoperto che l’inquilino due giorni prima che se ne andasse ha fatto richiesta di passare da illumia a Enel energia … ora non sapendo la situazione e non arrivandomi le bollette di enel energia
    Mi hanno chiuso il contatore perché il vecchio inquilino ha richiesto cessazione del contratto.
    Mi hanno detto che il contatore ora risulta senza nessun contratto e che sono libero di ativarmi con qualsiasi operatore sul mercato, allora ho fatto un contrato con gas natural. Mi chiedo i consumi da me fatti
    Nei due mesi precedenti con enel energia ora vanno sulla mia bolletta con il nuovo fornitore giusto?
    Non devo pagarli anticipatamente per poter ottenere il riallaccio giusto?
    Il mio problema e ottenere subito un nuovo riallaccio del gas.
    Come paghero i mesi ussufruiti dopo questo disguido burrocratico?

  22. giorno ,,io o cambiato distributore per il gas di casa, ieri me arrivata una fattura con 90 eu in più per la penale,ma con la lagge bessani e con il mercato libero io sapevo che non anno più diritto a richiedere penali ?mi dicono che ce scritto tutto sul contratto ma il loro incaricato nn mi ha mai lasciato alcuna copia di questo come posso fare?il contratto e valido anche se non avuto possibilità di leggere quello che ce scritto?

  23. Come al solito, essendo la cosa governata da non pratici, non si dice espressamente cosa fare per chiudere un utenza per fine residenza, non per cambio o morte o altro.
    Il vs articolo non serve ad una mazza !!
    E’ facile dire bisogna recarsi all’ufficio ma se l,utente e’ a 5000 km di distanza, voi professori in burocrazia applicata mi dite come si puo fare senza recarsi in persona al vs centro più vicino? (a chi?)
    Perché non si puo fare via informatica?
    Se si puo accendere un contratto tramite un dubbio call centre situato in Albania con un operatore che non parla nemmeno la nostra lingua ,perché ‘non si puo recedere informaticamente?
    Non ci siamo! come dicono a Roma : Svejateve !!! scrollatevi questa burocrazia antica. e date le informazioni che servono !!
    Francesco

  24. Buongiorno in data 13 marzo 2016 ho inviato la disdetta con R/R per chiusura energia elettrica e gas all’enel, contratto peraltro non richiesto da me ma fatto a mio nome dall’inquilino poi risultato moroso, saldate tutte le bollette sospese e ricevuta lricevuta per la disdetta pensavo di essere a posto. Illusa!!!! mentre l’utenza luce ed acqua sono andate a buon fine a maggio, l’ utenza per il gas non si sa come sia messa, dopo 2 appuntamenti mancati il tecnico dell gas si è presentato in data ) maggio2016, al terzo appuntamento, considerando che abito a un centinaio di km dalla città in cui si trova tale utenza già avrei voluto chiedere i danni per i viaggi a vuoto che ho dovuto effettuare. pensavo fosse tutto concluso invece a giugno ricevo una bolletta di acconto, ovviamente stimat, nonostante fossi a credito secondo gli operatori telefonici al momento della disdetta. telefono mi dicono che ci sarà stato un errore e di non pagare, ricevo successivamente 3 solleciti per la stessa bolletta a luglio settembre ed ottobre, seguiti da relative telefonate e da una successiva R/R di tutti compreso il contatore piombato. Sembra che il tecnico che scopro essere della rete che concede il gas poichè è l’unica a poter chiudere i contatori non ha dato comunicazione all’enel della chiusura nè della lettura, ma a loro risulta che ci sia un trasferimento di fornitora in corso, non si sa come visto che nessuno l’ha chiesto. a oggi io non ho saputo più nulla e vorrei sapere se posso ritenere il contratto risolto o cosa fare per chiuderlo ed eventualmente se devo adore per vie legali per eventuali risarcimenti. grazie a chi mi saprà dire qualcosa. l’appartamento si trova a Bologna.

    1. mi scuso per gli errori ma purtroppo i correttori automatici mi mescolano le corezzioni nelle diverse lingue e non so fare a impostarle diversamente.
      9 maggio non ) – stimata non stimat. – adire non adore
      la situazione mi fa desiderare di scappare per sempre dall’Italia dove viene lasciato tanto spazio a semiprivati, di questo si tratta, in Inghilterra ed in Germania in un giorno ti danno e tolgono le utenze così le puoi richieder il giorno esatto che arrivi o parti!!!!!!!

  25. Buon giorno
    Vorrei chiudere la fornitura di gas, aria propanata, per convertirlo con altra forma di riscaldamento, le bollette sono salate oltre ogni ragionevole motivazione. Qual’è la prassi da seguire?
    Grazie
    Saluti
    Dora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.